tte-003 / Mattoncino LEGO

WP_20150811_16_15_49_Pro

In questa terza prova, siamo riusciti a produrre una cosa solo un po’ più grande della precedente e molto più significativa: un mattoncino LEGO che si attacca agli altri originali con lo stesso sforzo!  Questo dà la misura della precisione di stampa della macchina (almeno nelle piccole dimensioni).
La prova è stata effettuata con la stampante 3D della ditta WASP, modello DeltaWasp 20×40.

Ecco nella foto sotto il mattonino LEGO finito, ancora attaccato al piano di lavoro della stampante.

DSC_1793

Il disegno in 3D è stato ricavato da internet.  Il materiale è PLA (acido polilattico), un polimero derivato da piante come il mais, il grano o la barbabietola, ricche di zucchero naturale (destrosio).

811711127_68300

Finalmente Julian e Angelo con una faccia sorridente e soddisfatta!  Angelo nella mano sinistra tiene il piccolo mattonino LEGO.

DSC_1798

Questo è il “famoso” foglio quadrettato che ha raccolto e documentato le primissime prove di stampa; in alto a destra il mattonino LEGO finito (bene), e immediatamente vicino un piccolo groviglio di fili di una prova andata male (si era staccata dal piano di base).

DSC_1799

Per essere precisi questo mattoncino è un finto LEGO, innanzitutto perché è fatto con una stampante 3D, ma poi perché quelli originali hanno i “bottoncini” in numero pari (2-4-6-8…), generalmente disposti su due file.
Nella fotografia di testa, gli altri pezzi sono originali LEGO e sono stati messi vicino per provare dal vero la compatibilità con quello realizzato da noi.

 

COSA ABBIAMO IMPARATO DA QUESTA PROVA: (LESSON LEARNED)
– Impostando con un computer i giusti valori (per quel determinato pezzo), ed effettuando le corrette regolazioni meccaniche, la macchina risulta affidabile (almeno per le piccolissime dimensioni).
– Dato il perfetto incastro del nostro elemento con quelli originali, ne risulta un’ottima precisione dimensionale della macchina (almeno per i pezzi piccolissimi).
– Prestare molta attenzione, perché la stampa 3D è una tecnologia nuova e finora le macchine sono costruite da piccole ditte in maniera abbastanza artigianale, con scarsissime istruzioni d’uso.

 

>Cliccare una o due volte sulle fotografie per ingrandirle, si riusciranno a vedere dei dettagli molto piccoli!